Blog

22 Feb Segui sempre la tua strada e impara a cucire diritto.

 

 

 

 

Ti ricordi quel vecchio film del 1939 con Judy Garland, Il Mago di Oz? Dorothy doveva seguire il sentiero dorato che l’avrebbe condotta dal grande Mago di Oz per tornare a casa nel Kansas. Dorothy segui il sentiero, lungo il quale fece incontri magici, alcuni paurosi, ma trovò anche grandi amici, l’uomo di latta, lo spaventapasseri e il leone codardo. Dorothy segui la sua strada, anche nel magico regno di Oz rimase sempre lei una fiera ragazzina del Kansas e alla fine riuscì a tornare a casa.

 

Si è capito che amo i vecchi film? Si quelli che con zero effetti speciali ( e che oggi ci fanno sorridere) ma che tanto ci hanno fatto sognare, ridato fiducia e infuso di grandi eroi/ne che inseguivano i loro ideali?. Dici che sono una sognatrice? Forse un pò, e si ho sognato almeno venti volte di essere Rossella O’Hara almeno per un giorno. Mio marito mi dice che sono vecchia…:-)

Però io un vestito con le tende di Tara me lo cucirei ben volentieri, sarà per questo che ho voluto fare la scuola di moda e disegnare abiti? Tutta colpa di Via col Vento? Forse un pò si, tanto si sa l’imprinting che si ha durante l’infanzia, ci rimane anche da adulti, e io questo film l’ho visto per la prima volta a due anni. E io ho scelto di seguire la mia strada, il sentiero che mi avrebbe condotta al mio regno di Oz.  A volte affrontando le correnti, a volte entrando in vicoli ciechi, ma ogni volta che parlo con una cliente soddisfatta, ho capito che sono andata dritta e ho centrato il mio sentiero. Mattoncino dopo mattoncino come Dorothy.

 

E tu? Ti sei mai trovata a dover seguire una strada con molte insidie pur di arrivare al tuo regno di Oz?

 

Io credo di aver cominciato a scuola quando il primo semestre nelle lezioni teoriche riuscivo meglio che nelle pratiche. Cosa ho fatto? Ho mollato no! Ho continuati a seguire la mia strada e punto dopo punto ho raggiunto OZ. Molte volte incontro persone che mi dicono “io non so fare, ma mi piacerebbe imparare a cucire, ho la macchina della nonna ma non so usarla bene”. Prendi esempio da Dorothy, ha affrontato la strega dell’ovest pur di arrivare dove voleva, non ti farai spaventare da una cucitura diritta?

Intanto perché può essere utile per te imparare a cucire, perchè in tutto quello che fai ci deve essere un vantaggio per te:

  • per sopperire a piccoli inconvenienti (bottoni, strappi, scuciture) che si possono verificare
  • perché vuoi realizzare piccoli progetti DIY
  • per rinnovare l’arredo della casa o rimodernare alcuni capi che hai
  • per ritrovare la fiducia in te stessa appassionandoti a un hobby.

Se hai quindi un desiderio, la voglia di imparare qualcosa o sperimentare, allora io ti dico prova, fai come Dorothy e segui la strada.  Se ti va di provare ti lascio il link al mio  tutorial per principianti:

 

-Esercizio per la cucitura diritta. Clicca qui

Aprirai  la pagina dove troverai foto-spiegato un semplice esercizio da fare se sei alle prime armi e vuoi far crescere  la tua abilità con la macchina da cucire. Ti permette di imparare a fare cuciture diritte senza sforzo! Personalmente testato al primo anno dell’istituto per la moda,!

Fammi sapere se ti è utile, o cosa ti piacerebbe realizzare come primo progetto fai da te per il cucito. Sarò felice d creare nuovi tutorial per te!

Ci ritroviamo qui la settimana prossima, cominceremo il mese di marzo , mese in cui parleremo di primavera, novità, e colori e… prepara le matite!

Read More

15 Feb Il panico della prima vendita…oltreoceano e consigli per non essere impreparati

Su cosa ho imparato fino ad oggi

 

Quando ho aperto il mio Etsy shop, nel 2011, non avevo idea del grande mondo che avrei scoperto. Avevo sentito parlare di Etsy, ma ancora in Italia era sconosciuto ai più, mentre conoscevamo già bene altre piattaforme di vendite varia. Ma Etsy era dedicato al “fatto a mano” all’artigianale”. In quel periodo io facevo handmade,  e in oltre non lavoravo perché in attesa del mio primo figlio.  Ho aperto e messo delle cosine in vendita, ricami, prodotti per bambini, qualche borsa, di tutto un pò insomma.

Devo ammettere che l’ho aperto un pò così senza avere una chiara idea di cosa fosse il branding e di come si costruisce una identità legata al marchio etc (tutte cose che oggi dopo anni e con tanto impegno e studio conosco almeno in parte). Ho fatto la cosiddetta “gavetta” imparando sul campo.

La prima vendita mi ha messo parecchia agitazione ma era in Italia e devo dire grazie a una attività di promozione interna ad etsy. per cui diciamo che mi ha emozionato ed agitato, e se ci ripenso ora, dopo tutto il lavoro sul branding, sul taget e sul cliente fatto, mi darei un pessimo voto.

Ma il panico mi prese qualche tempo più tardi quando arrivò la seconda vendita e la prima Oltreoceano. Tra l’altro la cliente mi chiedeva una personalizzazione alla borsa che avevo in vendita.

Da cosa derivavano le mie paure e la  mia agitazione? Panic, si si mi prese una sano e terrificante panico a stringermi le budella, per tanti motivi per i quali oggi posso dire, che gestire un’attività non è facile ma soprattutto bisogna essere preparati. Alcune delle cose che mi turbavano erano:

  • Comunicavo con la cliente in inglese, e sebbene io abbia una comprensione dello scritto discreta, alcuni termini tecnici o slang non li conosco per cui ogni volta per leggere i suoi messaggi impiegavo parecchio tempo per essere sicura di capire bene le sue richieste.
  • Avrei dovuto spedire in Texas, oh un bel viaggetto..e se non arrivava? e come sarebbe stato meglio confezionarlo?
  • La borsa era una creazione unica, in parte con tessuto nuovo in parte derivante da un progetto di up-cycled, e quindi non disponevo di molto materiale per fare le modifiche e si sa se sbagliavo qualcosa sarebbe stato un grosso problema.

 

Oggi ho imparato sul campo ad affrontare tutte queste “agitazioni” e soprattutto ho letto e studiato molto, non posso dire che  so tutto, anzi ancora c’è molto da imparare e mi sono iscritta anche al programma di Etsy Resolution che si sta svolgendo in questi giorni e che aiuta ad aprire uno shop su etsy, grazie a dei tutor che seguono chi vuole aprire lo shop e cominciare a vendere on line, perché sebbene io ormai abbia aperto da un pò qualche nuovo suggerimento può sempre arrivare. Dopotutto si sa non si finisce mai di imparare.

Se posso darti dei consigli oggi su come affrontare la vendita su un marketpalce come Etsy (ma che rimangono valide anche per altri marketplaces con piccole modifiche) sono sicuramente questi:

 

  • Naviga prima sulla piattaforma, vedi che genere di cose si vendono, come vengono presentate, cosa scrivono di loro i venditori e leggi bene le policies e il Manuale del venditore creato per risolvere i dubbi. Fatti un’idea generale di come può esserti utile un marketplace per creativi come Etsy, ALM o Amazon Handmade.
  • Se sei un artigiana o una creatrice e vuoi impostare il tuo lavoro su una vetrina come Etsy o gli altri, puoi leggere prima delle risorse utili a farti capire come impostare il tuo brand. Per questo ti suggerisco “Tutto fa branding di Gioia Gottini” un semplice e-book con tanti esercizi che ti fa ragionare sul tuo piccolo business e trovare il tuo perché fai quello che fai. Io l’ho scoperto solo l’anno scorso, ma è stato molto utile per fare un lavoro di restyling e impostazione del mio marchio, della mia impronta online.
  • Su Etsy, c’è una grande community e dei gruppi/ team di venditori che si aiutano e si promuovono a vicenda, in un team puoi trovare il supporto necessario  e fare networking per partecipare a iniziative per farti conoscere.
  • Se vuoi farti conoscere, oggi è molto utile avere anche un profilo nei social, perché ormai la comunicazione si è spostata anche su questi canali. Trova i social più adatti a te, al tuo cliente e a farti trovare. Per conoscere meglio e utilizzare IG ti posso consigliare un e-book di approfondimento molto utile: quello di Rita Mys.cottage.
  • Osserva, osserva e osserva cosa fanno gli altri, i tuoi cosiddetti concorrenti o le persone che da più tempo sono li. Non è per copiare ma per capire che errori commetti o cosa puoi migliorare, soprattutto nelle foto, che sono essenziali per vendere on line a distanza. Non preoccuparti, ognuno ha il suo stile e c’è spazio per tutti.
  • Non sentirti sola, ci sono molte risorse utili, e persone esperte che ti possono aiutare a fare altri piccoli aggiustamenti affinché la tua attività abbia successo, con corsi, consulenze e revisioni. (dalla commercialista, alla web designer, alla consulente di prodotto)

 

Ultimo, ma non meno importante secondo me, non avere fretta, e se vuoi cominciare sii sicura di avere un pò di cose pronte da proporre, con le foto, di aver già capito come poter spedire nel caso i tuoi acquirenti siano lontani da te, e non ultimo aver calcolato bene il valore del tuo lavoro. (leggi prezzi 🙂

Quello che mi sento di averti suggerito qui sopra è derivato dalla mia esperienza diretta e personale, sicuramente ci saranno anche altri suggerimenti validi che qui non metterò e che magari scoprirai tu e per questo torna a raccontameli nei commenti!

Ora se vuoi vedere i miei shop dove propongo le mie creazioni puoi cliccare qui e farti un’idea, ogni suggerimento è ben accetto!

Ti ringrazio dell’accoglienza riservata alla #KFSloveweek che si sta concludendo oggi  e  della partecipazione! Presto arriveranno nuove iniziative dove dovrai anche metterci del tuo!

 

 

Read More