Il mio Blog di creatività e artigianato tessile per i tuoi accessori
193
paged,page-template,page-template-blog-large-image-whole-post,page-template-blog-large-image-whole-post-php,page,page-id-193,paged-2,page-paged-2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Blog

06 Sep Una cliente mi ha chiesto…

….di realizzare un suo desiderio. Ecco perché è bene qualche volta essere la “Fatina dei desideri”.

Quando ricevi una “convo” (ovvero una mail indirizzata a te dal tuo profilo, all’interno del marketplace di artigianato Etsy.com)  è sempre emozionante, perché è una sorpresa, qualcuno ti contatta, vuole parlare con te, e ti può scrivere da ogni parte del mondo. Così ti ritrovi a chiacchierare con Mary della Carolina del Nord piuttosto che con Jane di Dublino.

Il più delle volte  chi ti contatta ha bisogno di qualche dettaglio, un chiarimento su una taglia, i tempi di spedizione, ma altre si tratta di richieste di ordini personalizzati. questo significa che piace quello che fai, ma va personalizzato in qualche modo affinché risponda proprio alle esigenze di chi ti scrive. Il bello del fatto a mano e dell’artigianato è proprio questo, non ti devi accontentare di quello che trovi in negozio ma puoi chiedere qualcosa su misura.

Altre volte le richieste ti appaiono strane, o per lo meno non si tratta solo di una modifica sul tipo “me lo potresti fare più piccolo/grande/largo/stretto?” Ma piuttosto : “…mi piacerebbe qualcosa tipo questo, potresti farmelo? e ti mandano una foto di un prodotto o ritaglio di una rivista dove viene mostrato qualcosa.

Ad una richiesta simile, non sempre tutti i creatori sono pronti a rispondere, e a soddisfare le richieste dei clienti, per vari motivi: significa lavoro extra, il prodotto va fatto, costruito, devi studiarlo e realizzarlo e spesso fare delle prove prototipo. Può comportare nuove spese, perché potrebbero servire nuovi materiali che non hai e quindi anticipare delle uscite di cassa. Il più delle volte si crea un solo  pezzo e non una piccola serie con un aumenti dei costi di gestione e spesso minor guadagno.

Ma ci sono altrettanti buoni motivi per accettare una richiesta di personalizzazione particolare.

Quando A. (chiamerò solo A. la cliente in questo contesto) mi ha scritto chiedendo se potevo ispirarmi a una foto che mi mandava per realizzarle un porta cellulare sono stata un pò sorpresa perché il genere era un pò diverso dal mio stile, e così su due piedi a richieste del genere mi viene da dire “Mah…no non posso farlo”. In realtà questa è solo la prima reazione a caldo che mi viene da dire in queste occasioni, perché poi il mio cervello comincia a ragionare e a fare delle valutazioni oggettive (si capisce che sono un tipo razionale?) e quindi ho agito così:

  1. Mi sono data del tempo per valutare la fattibilità, ho chiesto ad A. un giorno per studiare se si poteva realizzare quello che mi chiedeva. Perché a volte la notte porta consiglio e a mente fredda si pensa meglio. Inoltre inutile promettere di riuscire a fare una cosa se poi non se ne hanno le capacità.  Se mi metto nei panni di cliente preferisco un sincero non sono in grado che un pessimo risultato.
  2. Ho valutato tempi, tecniche e strumenti che io ho e che avrei potuto applicare al progetto, studiato le bozze su come avrei potuto tradurre la sua richiesta di custom cover e presentato gli schizzi illustrando il prodotto finito. Cercare di comunicare con un disegno la mia idea in testa non è facile ma cerco di dare più dettagli possibili
  3. Comunicato il prezzo, e i tempi di realizzazione i materiali che avrei utilizzato e atteso la risposta della cliente. Essere chiari, precisi e fornire più informazioni possibili permettono di fare acquisti consapevoli e al cliente di avere una panoramica completa della sua transazione.

Con A. si è creata da subito una bella sintonia, mi ha fatto richieste, ma mi ha anche dato la possibilità di esprimere un pò di me stessa, e della mia creatività in modo da non essere solo un’esecutrice ma anche una artigiana che realizza un idea e la personalizza. Nel cucire la sua cover  mi sono sentita un pò la “fatina dei desideri”.

La custodia è stata un bel progetto, alla fine io ero soddisfatta e A. molto contenta e mi ha lasciato un bel feedback. Cosa ne ho tratto da questa esperienza??

  • Non rifiutare a priori una richiesta, si potrebbe trattare di un progetto che apre nuove strade da percorrere
  • Mi sono venute nuove idee per nuove linee di prodotto, ho stimolato la creatività.
  • Ho regalato un pò di felicità a una persona, che mi ha donato la sua fiducia e meritava di essere soddisfatta facendo felice anche me

Per cui anche io sono stata un pò fata anche senza la bacchetta magica, ma con ago e filo e in questo caso il pennello!

La cover è quella in foto, per ora rimane un pezzo unico, ma sto lavorando a nuove idee per farne una edizione limitata per chi mi segue. Che ne pensi?

Read More

30 Aug Si riparte! Ecco cosa mi porto e come ricomincio…

Sulla montagna si sale e si scende, si arriva e si parte, e tutto ricomincia.

 

 

Bentornata  a leggere il mio blog Grazie!

Il primo post, “post-vacanze” per usare un gioco di parole. Non è ancora settembre secondo il calendario ma io nella mia testa mi si sento già in questo mese, perché archiviate le vacanze si pensa al dopo, a quello che ci aspetta. E io lo devo dire che ci pensavo un pochino, lo ammetto solo un poco, anche in vacanza. Non è bello iniziare una nuova avventura? Dedicarsi a un nuovo progetto con nuovo slancio? Settembre per me è carico di promesse, quando andavo a scuola significava nuovi libri profumati, un nuovo diario, ii quaderni insomma novità, vivacità e speranze.

Settembre significa, rientro al lavoro per mio marito, inizio dell’asilo per i miei bimbi, significa riprendere i ritmi consueti della giornata e per chi come me si occupa di creatività, artigianato e  significa anche pensare alla nuova stagione, quella che porta a “Nat…” , no non lo dico ma lo hai capito. Solo che dirlo ora, con ancora 30 gradi  di caldo, la siccità e un piede ancora dentro al mare fa un pò brutto.

Ora non pensare che io sia stata chinata a lavorare sul planning 2018 e  a studiare per ore sotto l’ombrellone o nei boschi… , solo  qualche pensiero della lista di cose che mi aspettavano al rientro. Invece quest’anno ho veramente staccato la spina, per l’85% direi, e non ne sono pentita anche se ora sono in ritardo su alcune cose. Ecco come sono sopravvissuta serenamente, qualche consiglio che forse potrà esserti utile se ancora devi partire o per le vacanze future:

  1. Per primo ho scelto di non portare il pc, -NON ho ricaricato la chiavetta volontariamente, perché mi conosco e se comincio a navigare mi perdo a guardare, leggere, consultare e mi perdo tutto quello che mi sta intorno. Ho detto “stacco e sono OFFLINE“.
  2. Ho tenuto con me solo il cellulare per non perdere il contatto con chi mi segue e per controllare il mio Etsy shop.  E allora dirai tu internet ce l’avevi lo stesso, si ma i Giga non sono infiniti e me li conservavo per i controlli di routine. 
  3. Avevo fatto una programmazione soft dei social : giusto qualche post programmato per ricordare ai miei followers che c’ero e poi qualche scatto estemporaneo in ferie. Ho ritenuto giusto così, perché in vacanza c’è bisogno di leggerezza e tempo per se stessi, quindi non  ho voluto rubare molto tempo a me ma anche a chi mi segue.
  4. Una programmazione fatta bene (o almeno benino) durante l’anno mi permette di avere le idee chiare e stare più serena anche se le cose da fare sono sempre tante, leggi “Controllare meglio l’ANSIA“. Annuncio di vacanze inserito nelle mie comunicazioni e avvisi sui tempi di spedizione allungati.
  5. Per ultimo ho detto NO, “Questo lo posso fare anche dopo” e  “La mia famiglia ha la priorità su tutto”. Nulla era così urgente da essere portato con me. così ho deciso quello che potevo fare anche al rientro. Naturalmente ho gestito tutti gli ordini e spedito ciò che andava spedito. Darsi delle PRIORITA‘ che siano veramente tali.

Ebbene mi chiederai tutto questo è servito? Sono sopravvissuta benissimo, ho comunque lasciato aperto lo shop, ottenuto visite e contatti, ero comunque raggiungibile, ma senza lo stress da iper-controllo su tutto. (e se non ho tutto sotto controllo ahi!) E invece mi sono lasciata andare anche all’improvvisazione, al cambiamento di programma, alla tabella di marcia interrotta, come arrivare a visitare un castello alle 12.00 invece che alle 10.00 per un problemino di stomaco del piccolino…ehm..avete capito che le strade a tornanti non gli sono piaciute.

Ne è valsa la pena? Si. Scelte azzeccate perché ora a mente più fresca e un pò riposata, sto lavorando alla mia LISTA di cose da FARE molto serenamente e pian piano le ho iniziate. Non ho depennato ancora nulla perché alcune cose sono impegnative e avrò bisogno di diversi giorni come il restyling del sito o finire dei corsi che ho in sospeso . Cosa ho in progetto per te?

Ti dirò solo 3 cose: NOVITA’, COMUNICAZIONE, PERSONALIZZAZIONE.  Corsi, studio e nel lato creativo ti dico solo “colore” cose nuove che mi frullano in testa da un pò. Unica pecca non mi basta il tempo, almeno finché le scuole non inizieranno il 15 settembre, dovrò fare ancora qualche corsa e nottataccia per seguire tutto.

Intanto voglio dirti due cose da non perdere che ti aspettano questo week end:

  • da domani 31/08 a lunedì 04/09 nel mio Etsy shop è attiva la Campagna Sconti per il LABOR DAY, la festa del lavoro che si festeggia il 4 settembre in America. Molti articoli li trovate scontati del 20%, vedrete direttamente nello shop quali sono gli articoli scontati e il nuovo prezzo così non dovrete fare nulla in caso di acquisto già avrete il nuovo importo. Anche se da noi non si festeggia, è sempre una bella occasione poter approfittare di sconti sullo shopping no?

 

  • Domenica 3/9 è il mio Compleanno! E ho deciso di fare io un regalo a chi mi segue, segui il mio profilo Instagram o la mia pagina Facebook  domenica e scoprirai di cosa si tratta. Ora non ti svelo più nulla! Stay tuned, come vedi Settembre è già carico di promesse!

 

****PS. la foto sopra è mia, scattata a Monte Sommo 1500m, sull’impiatno di risalita di Francolini a Folgaria TN.  L’ho scelta perchè la seggiovia sale  e scende in continuo,  a volte si ferma ti mostra meraviglie e poi riparte, mi piaceva molto come simbologia per il primo post dopo le ferie. Se a qualcuno può interessare qualche informazione sarò ben felice di dare dei consigli sulla zona ***

 

 

Read More