Il mio Blog di creatività e artigianato tessile per i tuoi accessori
193
paged,page-template,page-template-blog-large-image-whole-post,page-template-blog-large-image-whole-post-php,page,page-id-193,paged-10,page-paged-10,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Blog

Ti sei mai chiesta cos’è il giusto prezzo?

  Parlando con alcune colleghe creatrici e sui forum dedicati, ho riscontrato che una delle obiezioni che spesso un cliente fa a un creativo/artigiano è relativa al prezzo.     ” 19 euro per una pochette?” “20 euro per tre quaderni?” “E che ci vuole a farlo?...

Segnali e Riti di Primavera

        Eh si devo dire che si sente, è arrivata la primavera o sta per arrivare…gli alberi hanno già teneri germogli, i primi fiori di stagione sono fioriti, l’aria al sole è più calda e beh c’è molta più luce, tra un paio di settimane torneremo all’...

Alle Donne istantanee e un pò indomite

  Sono scontata e sono banale a mettere la foto della mimosa oggi? Forse si, oggi ne vedremo tanto di giallo che te ne verrà a noia. Però la foto è mia, non è presa da siti di foto professionali, e mi dirai tu si vede pure!. (angolo a sin basso un pezzo di cancellata) Ma aggiungo  io non i...

27 Sep Nella vita serve organizzazione….è vero?

 yarn-1156523_1280colorful-1665006_1280

Si dice comunemente che nella vita serva organizzazione, è vero? E tu come la pensi?

Diciamo che sicuramente non siamo tutti uguali,  intendiamoci c’è chi organizza, prende appunti, cataloga, suddivide la pagina dell’agenda in minuti per poi occuparli tutti e rimanere in “panne” quando rimane uno spazio vuoto e scatta l’urlo “E ora come faccio?”.

E poi ci sono quelli, potremmo chiamarli neo-neoromantici che invece non organizzano proprio nulla, nemmeno la lista della spesa, si improvvisa, si vive l’attimo, fanno una cosa per volta quella che deve essere fatta in quel momento e stop, non fissa appuntamenti (se non con il dottore…perchè obbligato) e vive benissimo.

Pensate che uno sia migliore dell’altro? Secondo me no, e come in molte cose, il buonsenso e la giusta misura sono la chiave per il buon vivere.

Io sono un buon 60% della prima opzione, mi piace essere organizzata e avere il controllo…(io la lista della spesa la faccio eccome, sfogliando i volantini e a volte addirittura con i prezzi scritti a fianco….) Sono maniacalmente disturbata? forse un pò, ma poi finisco sempre che oltre alla lista compro sempre dell’altro, perchè “colgo l’attimo”, mi viene un’ispirazione lì in mezzo agli scaffali un’idea per cucinare qualcosa di nuovo, o mi ricordo che ho finito il sapone  e allora improvviso, esco dagli schemi e l’organizzazione viene meno.   Poi diciamo che ho anche un 40% di donna non organizzata in me che, bilancia, compensa e sostiene che non si può organizzare tutto per vivere con allegria e spensieratezza ciò che ci succede.

Ci sono dei campi in cui però è meglio organizzare perchè questo ti aiuta a lavorare meglio, ad avere maggiore produttività e quindi a risparmiare tempo, denaro e raggiungere degli obiettivi.

Mi sono resa conto che nel mio business non ero per nulla organizzata, facevo poco, o meglio facevo quando dovevo perchè non seguivo un “business plan” ritrovandomi a lavorare 12 ore la domenica per finire un ordine. No così mi sono detta non va bene, seguendo poi anche i consigli di Gioia Gottini mi sono resa conto che un vero biz ha bisogno di un  di pianificazione per funzionare bene.

In questo periodo sto quindi imparando, non ho ancora raggiunto il livello di organizzazione per gestire meglio i flussi ma ho fatto piccoli passi in avanti, ecco per cui i miei consigli per aiutarti in questa fase difficile del:  “si beh e da dove comincio?”con me hanno funzionato, provali anche tu!

  • aiutati con un supporto, cartaceo o no decidilo tu, io ho comprato un’agenda 16 mesi e sto cominciando a programmarmi le settimane, mi segno cosa voglio o devo fare in quel giorno e mi impongo di rispettarlo. Credetemi  funziona, perchè verba volant scripta manent e vedere nero su bianco cosa dovevi fare e non hai fatto….ti aiuta a non procrastinare ulteriormente. Certo non sempre si riesce a rispettare la lista per tanti motivi ma la si aggiorna e la si porta avanti. Depennare è una grande soddisfazione!
  • cerco di raggruppare per tipologia le cose da fare. Se per esempio devo fare delle foto alle nuove creazioni cerco di raggrupparne almeno 3 o 4 nsieme in modo da dedicare una fascia di tempo solo a quello, questo mi evita di perdere tempo, facendo le foto, scaricarle, editarle ogni singola volta. Le faccio, le salvo e poi sono disponibili quando voglio. E se per caso un giorno piove ho le foto già nell’hard disk.
  • Cerco di lavorare materiali o modelli simili insieme, oltre a creare minicollezioni belle da presentare, mi aiuta a ottimizzare la spesa, approfittare di sconti e quindi a calcolare meglio i prezzi per me e il cliente.
  • Faccio una lista del materiale che mi serve prima per ogni collezione. Se ho pensato di fare 4 pochette, 2 totes e 2 zaini mi segno il materiale che mi serve e non ho in casa, così dedico una mezza giornata al giro fornitori e poi ho tutto pronto per cominciare e impiego delle giornate solo per creare.

Sono piccole cose ma vi assicuro che nel mio piccolo hanno già cominciato ad aiutarmi, in questi giorni per esempio non posso usare l’elettricità  (per non sovraccaricare la rete utilizzata da operai che ho in cortile per dei lavori) Quindi niente maccina da cucire o ferro etc e non sto producendo, ma l’aver “organizzato” prima alcuni lavori mi permette ora di proporvi comunque la nuova linea di pochette  per l’autunno e quindi a non farmi prendere dall’ansia oddio adesso come faccio.?!

Per alcune cose ho ancora parecchio da lavorare..non si impara tutto da un giorno all’altro, e tu? Rinvii o pianifichi?

Aspetto i tuoi consigli nei commenti, e se nel frattempo pensi di cominciare a organizzarti, e vuoi cominciare dalla tua borsetta…si lo so come è la borsa di una donna…ti consiglio di dare un’occhiata alle mie nuove  “organicase” piccole miniborsette che puoi usare come portafoglio, portacellulare, make up bag, o austiccio per non perdere nulla e trovare subito tutto ciò che ti occorre. Vedile  cliccando qui.

 

,

 

Read More

26 Sep 3,2,1…Si parte – Da dove comincio un blog?

Partenza nuovo inizio


Si deve pur cominciare, ed essere il primo, un pò come a scuola il primo dell’appello, o il primo dell’interrogazione è sempre difficile, da dove cominciare? Di cosa parlare? Sarà interessante? Beh ecco questi dubbi Amletici un pò mi hanno fatto tentennare ma alla fine eccomi qui a scrivere, anche abbastanza di getto il primo post di questo blog, “3.2.1…si parte” che sta per dai partiamo rompiamo il ghiaccio ci aspetta una bella avventura insieme.

Perché ho deciso di scrivere un blog? e perché mi dovresti leggere?

Beh in alcuni momenti della vita ci si ritrova a fare i conti con se stessi, con chi si è diventati, con quello che si vorrebbe fare e io ho deciso di aprire un mio sito dove racconto quello che faccio, come lo faccio e perché. A questo punto voglio anche uno strumento con cui condividere con te queste mie motivazioni e anche in parte le mie esperienze…ed ecco che il blog. E’ uno strumento che mi permette di interagire in maniera più snella e rapida con te, con una cadenza regolare rassicurante come quando due amici lontani si sentono al telefono, sanno che l’altro c’è anche se non fisicamente  e quel contatto è atteso con gioia e trepidazione da entrambi.

II post è qui a tua disposizione e puoi ritornaci quando vuoi, quando hai più tempo e ti offrirà sempre nuovi spunti su cui lavorare e meditare.

Bene ti starai chiedendo di cosa mi parlerai? Di come dare stile alla tua vita, alla tua casa al mondo che ti circonda. Cosa intendo per stile? io sono una fashion designer, ho studiato moda e disegno del costume, e per questo adoro creare  accessori che nascono da una idea, li disegno, ne realizzo il prototipo  e li cucio nel mio home-lab. 

Ho tante idee per questo mio nuovo blog, dai suggerimenti di look, adattati alle diverse occasioni o stagioni che vedremo grazie immagini grafiche e foto, ai tutorial  di craft art visto che lavoro con i tessuti, ai manuali di pronto intervento sartoriale e re-fashion e  poi …beh qualche sorpresa…a seconda del tema del mese…non vi voglio svelare tutto già da ora…ma vi assicuro che insieme ci divertiremo.

Perché sono arrivata a volere tutto questo? A 40 anni si inizia a essere seri? Potrei definirmi una late blommer e se non sapete di cosa si tratta per questo vi consiglio di leggere il post di Gioia Gottini sull’argomento, qui

Semplicemente sono ora una donna più matura e consapevole e sono stata negli ultimi 5 anni principalmente una mamma full time coltivando la mia arte poco alla volta in brevi momenti che il mio ruolo mi concedeva. Mi mancava però qualcosa, un pezzettino di me, di quello che mi appaga e mi rende completa, la mia passione, il mio lavoro. Le mamme tendono ad “annullarsi” per amore dei figli, ma è giusto e io l’ho capito, ritrovare il proprio equilibrio senza rinunciare a quello che ci piace fare e che ci permette di sorridere di fronte a loro, perché una mamma felice è anche una  mamma oltre che a una donna/moglie/compagna che sa amare meglio.

Mi considero una creativa, o una artigiana 2.0 ma sono anche una persona comune che la mattina porta i bimbi a scuola o fa la spesa come tutti, adoro passare il tempo a ideare, tagliare cucire  e per questo voglio condividere la mia arte con voi, aiutandovi con le mie conoscenze. Vorresti realizzare qualcosa e non sai come? Vorresti delle spiegazioni su come fare? Proponi, tratterò ogni mese dei temi scegliendo anche tra quelli che mi suggerirete.

E’ quello che ho sempre voluto fare, da quando copiavo gli abiti delle principesse da bambina, a quando ho fatto la scelta del corso di studi ad ora che ho preso coscienza di essere un artigiana che parte dalla tradizione ma si ripropone e rinnova in chiave moderna.

Cosa aspetti se ti va lasciami un commento con quello che vorresti leggere o imparare..

 

Read More